Come affilare le frese per legno ? Spiegato il segreto per far durare di più la tua fresa evitando che qualche inesperto “Arrutino” te la cricchi

Come affilare le frese per legno

In questa bellissima foto un “vecchio” ricordo di quando mio padre faceva il costruttore e affilava le frese sotto il garage di casa (ormai sono quasi 50 anni fa)

Come affilare queste frese?

Eh già, perché sappiamo ormai dove trovare una robusta fresa per legno a portata di un click ma, giustamente, anche se dura 3 volte di più rispetto una fresa normale prima o poi bisogna affilare anche questa.

E qua viene il bello.

 

Dove la portiamo?

Andiamo da Gianni, noto affilatore del posto che pratica il suo lavoro nel suo bunker anti-finanza, oppure la portiamo da TUTTOPERTUTTI S.p.A. che è il mega negozio vicino casa che rimedia un po’ tutto (alla buona)?

Ora io sto generalizzando e calzando molto su questi due aspetti che, tra l’altro, sono quelli più comuni e possibili che potreste trovarvi davanti (ormai sono quasi 50 anni che nostro padre ascolta e parla di queste cose giornalmente con i nostri clienti), ma sono consapevole del fatto che c’è disinformazione e che nessuno ti consiglia o ti spiega come fare.

È molto difficile e normalmente ci viene comodo e riteniamo giusto fidarsi delle persone a noi vicine, tipo il Babbo o il Nonno (per i fortunati che ancora hanno l’occasione di averlo in vita), i quali una volta avevano tutto a portata di mano e sapevo fare tutto loro (giustamente … io il mio non lo contraddico quasi mai, pensa che lo chiamo “Fattore” o “Fuhrer”).

Ma le cose sono cambiate.

Le cose si sono Evolute.

E tu devi stare al passo con i tempi per non rimanere fregato.

Al giorno d’oggi affilare la propria fresa in modo sicuro, con un’affilatura a specchio e con delle mole al borazon per l’acciaio e diamantate per il metallo duro, è fondamentale per evitare che la tua Super-Fresa si trasformi in una banalissima e scontatissima fresa d’importazione.

Ma facciamo un passo indietro:

 

Cosa si intende per affilatura della fresa per legno?

Affilare una fresa per legno è come riportare ad una nuova vita l’utensile ma, come John Snow per il trono di Spade, la seconda (o terza, quarta e via dicendo) vita non è (aimè) sempre forte e longeva come la prima.

Uno (se non l’unico) dei motivi principali te l’ho spiegato poco sopra; Affidare le tue affilature a non professionisti, che non hanno esperienza e soprattutto non hanno i mezzi adatti, potrebbe addirittura dimezzare la durata della tua fresa, se non romperla, rovinandola e criccandola (per il metallo duro) durante quello stesso processo che dovrebbe invece permetterti di ricominciare a produrre il tuo denaro, la tua entrata, quella che permette di mandare avanti la tua vita.

“… Criccare? Ho capito bene? “

“Mi prendi per scemo … come faccio a non vedere se degli affilatori mi rovinano la fresa?”

Nono, tranquillo, non ti sto prendendo in giro; ora ti spiego.

Queste cricche, nel metallo duro per esempio, si possono formare in seguito ad urti o sforzi eccessivi del materiale. Una possibile causa potrebbe essere l’avvicinamento della mola per affilare troppo velocemente senza magari neanche l’impiego del refrigerante!

Se l’approccio all’affilatura non è ottimizzato si formano delle micro-cricche nel metallo e successivamente, durante la lavorazione, quando la fresa si scalda, il calore stesso fa aumentare la dimensione della crepa portando la tua fresa ad una rottura certa e “misteriosa” (poi la colpa è sempre del produttore, si sa!)

 

Che te ne pare?

Brutto è? (forse con questo paragrafo ti ho fatto luce su qualche vecchio dubbio o stranezza che avevi in mente…)

Fidati sempre di chi è in questo settore da anni e, come noi per le frese, è specializzato nell’affilatura di utensili da taglio.

 

Quando devo affilare la mia fresa? (o utensile in generale, questo server per tutti!)

Su questo punto ci potrei scrive un libro intero con tutte le occasioni che abbiamo avuto di confrontarci con tagli bruciati, lame imbarcate, frese storte e criccate … se ci penso mi viene da ridere (e mi rende fiero allo stessa maniera, con tutti i problemi che abbiamo risolto!).

Non ci sono regole precise per quanto riguarda il periodo; ad una persona potrò rispondergli “dopo 2 ore” e ad un’altra “vai pure dopo 13 ore” … tutto dipende dal suo utilizzo, dal tipo di finitura che si vuole ottenere e dal tipo di legno su cui stiamo lavorando.

Comunque prendete come riferimento la vostra “sensibilità”, ovvero quando iniziate a sentire un rumore di taglio diverso e sentite che la fresa inizia a sforzare, allora questi sono i primi sintomi di un vicino pronto intervento; d’ora in avanti sta a voi decidere quando cambiarla e mandarla in affilatura, ma non tardate tanto. 

 

Dove posso andare ad affilare la mia fresa?

Come ben sai la mia famiglia è da più di 40 anni che ha fondato la ditta Nova Saf S.r.l. (gli specialisti dell’affilatura di utensili per legno e derivati) però, come ben puoi capire, è possibile usufruire dell’officina specializzata solo se sei della zona (o in seguito a numerosi e macchinosi procedimenti di chiamata-corriere-preventivo-prezzo-spedizione-ritiro-richiamata-etc etc)

Fortunatamente per te stiamo per implementare un sistema online (www.utensileaffilato.com) automatico di affilatura in modo da renderla accessibile a tutti, da qualunque posto, in qualunque situazione. Un’affilatura fatta da professionisti (a specchio, come si dice in gergo tecnico).

Sono troppi anni che vendiamo utensili in giro per il mondo e, puntuale come il cambio della guardia svizzera, dopo un’affilatura riceviamo lamentele sulla lama, fresa o punta che sia.

Ci piange il cuore vendere Ferrari per poi vederle trattare come una Panda qualunque (con rispetto per la Panda, una super-macchina), riciclando e riattaccando qualsiasi pezzo preso dal carrozziere, tanto sappiamo entrambi che la parola in codice e l’importante è “che costi poco e sia funzionante”.

“Tutto bello ma … nel frattempo? dove posso andare?”

Non posso specificare tutte le zone d’Italia, ma posso dirti invece le 2 domande fondamentali che dovresti fare ad un affilatore per capire se ha il permesso di toccare il tuo utensile.

 

La prima domanda è: Che tipo di mola usate?

La risposta deve essere esclusivamente e tassativamente Borazon (per frese in acciaio) e Mola diamantata per Frese in Widiam – Metallo duro (va bene anche per le lame o qualsiasi altro attrezzo).

Una mola differente non farà al vostro caso e rovinerà l’utensile.

 

La seconda domanda è: La lavorazione è refrigerata o avviene a secco?

Assicuratevi che la vostra fresa durante l’affilatura sia refrigerata (senza indagare per ora sul tipo di refrigerante…anche questo fondamentale…), altrimenti come ho scritto sopra potrebbe non essere affilata bene e “criccarsi” per il troppo calore o la “botta secca” a cui è sottoposta!

 

Concludendo

Con l’affilatura puoi letteralmente e veramente riavere la tua fresa come nuova ma ad una condizione; devi affidare le tue lavorazioni a professionisti, che ti diano delle garanzie e che sappiano dove stanno mettendo le mani.

Come per l’affilatura anche per la scelta delle frese devi affidarti a professionisti, in grado di consigliarti e visti i tempi che corrono (“c’è la crisi”), risulta comunque fondamentale prestare le dovute attenzioni ed evitare gli sprechi. Utilizzare degli utensili robusti, fatti con materiali certificati da specialisti che non pensano solo all’importazione di prodotti ed a riempire le proprie tasche, è solo uno dei tanti segreti per riuscire ad essere efficienti e produttivi nella propria attività (sia giornaliera che hobbistica).

Perché dico questo?

Perché hai la possibilità di lavorare come i migliori del tuo settore grazie alla robusta Fraiser e, se fossi in te, non me la farei scappare.

Hai già scelto la tua Robusta Fraiser?


Se invece sei incerto su quale Robusta Fraiser faccia al tuo caso, fortunatamente per te, il nostro TEAM di Fraiser composto da ingegneri, esperti ed artigiani sono a completa disposizione per una consulenza GRATUITA, consigliandoti in base alle tue attrezzature ed esperienza il modo corretto in cui puoi rendere la tua fresata liscia e senza bruciature, passando dall’inferno di dover ogni volta scervellarti ed ingegnarti (manco fossi l’Einstein del 2030) al paradiso di godere una tranquillità e pazienza da monaco ZEN, perché puoi ricevere consigli personalizzati e su misura per te!

 

 

Matteo Urbinati

PS: Si lo so, ci sono anche quelle dime diamantate per il fai-da-te … come si dice, ” A mali estremi estremi rimedi ” … comunque ne parlerò bene in un futuro video (a breve)

 

Commenta con Facebook

Leave a Reply