Come tagliare il Plexiglass o Policarbonato con le frese

Ciao Fresatore,

in questo articolo evado dal mio argomento preferito, la fresatura del legno, per parlarti invece di un tipo di lavorazione che si è diffusa enormemente in seguito alle misure di prevenzione per il covid-19 (o corona virus), che prevedono la presenza di divisori o paratie fra le scrivanie degli uffici, fra i tavolini dei ristoranti ed in tante altre situazioni della nostra quotidianità.

Ti parlerò infatti del taglio di pannelli di plastica di piccolo spessore, prevalentemente fogli di plexiglass e di policarbonato da 3 o 4 mm (il discorso vale anche per altri tipi di materiale plastico duro che viene utilizzato per lo stesso scopo).

Esempio di una barriera protettiva in Plexiglass

Non mi soffermerò sul fatto che la necessità dei divisori sia giusta o no…anche perché la mia opinione in questo argomento conta poco e niente…ma voglio invece darti dei suggerimenti molto utili per il taglio di questi pannelli così sottili.

Con il taglio infatti ho molta esperienza, grazie al fatto che ogni giorno sto a contatto diretto con decine di artigiani che mi comunicano i loro problemi e le loro soddisfazioni, quindi ho la fortuna di riuscire a capire velocemente quali sono le strategie e le frese che funzionano veramente bene e che cioè producono un taglio pulito, liscio e senza bruciature, evitando anche di rompere o di usurare precocemente la fresa.

Proprio tre settimane fa, due dei miei clienti si sono “lamentati” per aver spezzato la fresa durante la fresata e l’esclamazione di entrambi è stata:

“Ma come può spezzarsi una fresa come questa per tagliare un foglio di plexiglass di soli 3mm?”  

Apparentemente la domanda sembra lecita…in effetti 3mm di spessore sono pochi e la fresa è costruita con le migliori tecnologie  ed un materiale molto resistente…quindi la risposta è tutt’altro che banale.

Procediamo per gradi.

I clienti in questione hanno fresato con la (BOSS BEAVER)GAMMA P301.040.4D, una fresa specifica per la plastica con diametro 4mm e rivestimento esclusivo in polvere di diamante, da utilizzare su pantografo a controllo numerico (CNC):

La finitura del taglio era eccellente e la fresata procedeva senza rumori o odori strani…ma come mai poi si sono rotte?

Premetto che in entrambi i casi noi di Fraiser abbiamo verificato il rispetto dei parametri di lavoro ideali per il taglio del plexiglass e del policarbonato (richiedili sempre quando acquisti una fresa scrivendo un’email a assistenza@fraisetools.com):

  • Velocità di rotazione [giri/min.]
  • Profondità di ogni passata [mm]
  • Velocità di avanzamento [metri/min.]

e lo stato di pulizia e manutenzione dei pantografi, mandrini e pinze elastiche, che sono tutti aspetti fondamentali per evitare rotture o brutte lavorazioni.

Abbiamo anche verificato che il codolo delle frese fosse stato inserito e stretto nella pinza elastica in corrispondenza del simbolo “K” e devo ammettere che i clienti sono stati bravi e non abbiamo riscontrato alcun evidente problema.

“Ma allora le frese sono difettose?” starai pensando…

E invece no, le frese sono senza difetti costruttivi ed altre identiche dello stesso lotto di produzione hanno invece lavorato benissimo durante il taglio di pannelli di spessore maggiore.

Quest’ultimo è stato un indizio molto interessante che ci ha fatto notare una caratteristica fondamentale delle frese: la loro lunghezza è infatti di ben di 70mm a fronte di un diametro di soli 4mm.

“Ma allora avete sbagliato a progettarle?” starai pensando…

E anche questa volta la risposta è no…queste frese per la stragrande maggioranza delle applicazioni vanno benissimo, il problema si manifesta invece quando lo spessore da tagliare è molto piccolo e capisco che è contro intuitivo capirlo ma cercherò di spiegartelo in modo semplice.

Quando una fresa lunga e sottile si trova a ruotare a 18000 giri/min. e non ha il “vincolo” o “sostegno” dello spessore adeguato del pezzo da fresare, inevitabilmente si mette a vibrare e queste vibrazioni, che sono invisibili ad occhio nudo ma hanno una frequenza molto elevata, portano alla rapida rottura della fresa!

Se i miei due clienti avessero utilizzato una fresa sempre specifica per le plastiche dure ma più compatta e cioè più corta a parità di diametro, sicuramente avrebbero completato il lavoro senza problemi e con il livello di finitura desiderato.

Infatti, ho sostituito le frese rotte con altri 2 modelli ed il risultato è stato in entrambi i casi eccellente! Il primo modello è la A302, una fresa in metallo duro qualità DuroTop (il tagliente dura il triplo rispetto alle alternative non professionali che hanno invaso il mercato) a 2 eliche di taglio specifiche per scaricare i trucioli di plastica dura e alluminio:

Fresa per Plexiglass & Alluminio Fraiser

Il secondo modello è ALPHA, una fresa in metallo duro a 2 eliche di taglio rivestita con polvere di diamante dell’esclusiva linea BOSS BEAVER, che dura il triplo rispetto all’equivalente Fraiser in metallo duro (quindi la durata è almeno 9 volte superiore rispetto alle alternative non professionali che hanno invaso il mercato!):

Il rivestimento in oltre, grazie al minore attrito, permette anche di scaldare di meno durante la fresata e questo comporta un altro strepitoso vantaggio quando lavori le plastiche (riduci il rischio di bruciarle e fonderle).

Risolto il mistero delle rotture dei due artigiani, abbiamo continuato a fornire decine di frese A302, ALPHA e GAMMA compatte (modelli P301.041.6D, P301.051.6D, P301.061.6D) in tutta Italia, raccogliendo dei giudizi eccellenti.

Come criterio di scelta, ricordati che:

  • A302 è l’ideale se lavori le plastiche dure e l’alluminio, in modo non ricorrente.
  • ALPHA è l’ideale se lavori le plastiche dure e il legno modo ricorrente.
  • GAMMA compatta è l’ideale se lavori le plastiche dure e l’alluminio in modo ricorrente.

A questo punto voglio concludere l’articolo con un importate avvertimento per te: se devi fare una lavorazione “particolare” per la prima volta, prima di agire da solo di impulso chiedi sempre il parere degli esperti.

In Fraiser troverai una squadra di ingegneri e tecnici esperti che sono ben felici di assisterti durante la scelta ed utilizzo della fresa con la chat, il numero verde o il modulo di assistenza ed in questo modo eviterai di inciampare in errori e problemi che ti faranno perdere e denaro!

Se anche tu devi tagliare i fogli sottili di plexiglass o policarbonato, puoi acquistare in modo semplice e completamente sicuro le frese specifiche nel nostro negozio online e te le spediremo al tuo indirizzo entro 24 ore dall’ordine, con ben 2 speciali garanzie: “101% soddisfatto o rimborsato” e “Spedizione entro 24 ore o è gratis”, quindi non rischi nulla!

Trovi le frese qui (ultimi pezzi rimasti…vanno a ruba…poi dovrai aspettare la nuova produzione e perderai la fornitura dei pannelli di protezione):

A302 è https://www.fraisertools.com/it/frese-per-alluminio-e-pvc-sferiche.html

ALPHAè https://www.fraisertools.com/it/fresa-elicoidale-ricoperta-z-2-positiva-mercury.html

GAMMA (versioni compatte P301.041.6D, P301.051.6D, P301.061.6D) è https://www.fraisertools.com/it/fresa-per-plastica-forex-gamma.html

Grazie e buona Fresata

Ing. Urbinati Andrea

Commenta con Facebook

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.